Autore: Redazione

Red stack attack! Algoritmi, capitale e automazione del comune

di TIZIANA TERRANOVA [English] Premessa Questo saggio è il risultato di un processo di ricerca che ha coinvolto una serie di istituzioni di autoformazione di ispirazione post-autonoma (ovvero università “libere” impegnate nell’organizzazione dal basso di seminari pubblici, conferenze, workshop, etc.) e reti sociali (studiosi e ricercatori che lavorano sulla teoria e la pratica dei media digitali, formalmente affiliati a università, riviste e centri di ricerca, ma anche artisti, attivisti, lavoratori cognitivi precari e simili). In particolare si riferisce ad un workshop tenutosi nel gennaio 2014 a Londra nel Centre for Cultural Studies (Goldsmiths’ College, University of London), con il...

Continua

Per una sinistra europea

di MARCO BASCETTA. Non pochi sono i malu­mori e le cri­ti­che che la lista Tsi­pras e tutto ciò che le ruota intorno stanno susci­tando in que­sti giorni, soprat­tutto negli ambienti più radi­cali. Ne è un esem­pio la → «lettera aperta», piut­to­sto livo­rosa, che Carlo For­menti ha dedi­cato all’argomento, accu­sando l’intera ope­ra­zione di nar­ci­si­smo pro­fes­so­rale e acce­ca­mento elettorale. Accenti così aspri si potreb­bero capire se que­sto o quel «mirag­gio elet­to­rale» stesse rischiando di disto­gliere ener­gie e atten­zione in una fase di forte espan­sione dei movi­menti o addi­rit­tura di con­di­zio­narne la per­ce­zione e mani­po­larne il senso di mar­cia. Ma con tutta evi­denza que­sto sce­na­rio non cor­ri­sponde in alcun modo alle attuali...

Continua

Reflections on the Manifesto for an Accelerationist Politics

by ANTONIO NEGRI The Manifesto for an Accelerationist Politics (MAP)1 opens with a broad acknowledgment of the dramatic scenario of the current crisis: Cataclysm. The denial of the future. An imminent apocalypse. But don’t be afraid! There is nothing politico-theological here. Anyone attracted by that should not read this manifesto. There are also none of the shibboleths of contemporary discourse, or rather, only one: the collapse of the planet’s climate system. But while this is important, here it is completely subordinated to industrial policies, and approachable only on the basis of a criticism of those. What is at the...

Continua

Richter: 18. Oktober 1977. Del lucore nel mezzo

di ALESSANDRO TAGARIELLO. Bruno sta alla finestra di una casa di campagna, occupato a stimare il numero dei maiali di un grosso branco che vaga nel prato di fronte. A Sylvie che gli chiede quanti essi siano risponde: – Circa mille e quattro. – Intendi dire circa mille – lo corregge Sylvie –. Non è giusto dire “e quattro”, non puoi essere sicuro dei quattro! – Non potevi fare errore più grosso! – esclamò Bruno trionfante – È proprio dei quattro che sono certo; sono qui sotto la finestra! Semmai è dei mille che non sono sicuro! Lewis Carroll,...

Continua

Piatto baricco mi ci ficco

di SIMON LE BON. I – tempo e luogo. Qualche giorno fa, in coda sul ponte di Cornigliano (che nonostante la somiglianza con quello di Brooklyn mai qualcuno mi abbia baciato offrendomi la nota gomma), in sottofondo le note di → Love letters in the sand (e qui già anticipo quello che debbo dirvi dato che Pat Boone estrasse tons di plusvalore dal bacino di Elvis), chino sul fatturato, ascoltando una compilation di pseudo punk italiano in memoria del compianto Freak Antoni. Meditavo sulla Italian Theory. Non che ci capisca una cippa, ma c’ero e → A proposito di Italian Theory...

Continua