di SARA GARBAGNOLI.

Il lavoro del sociologo Abdelmalek Sayad ha mostrato come “pensare l’immigrazione “ equivalga a “pensare lo Stato”, disvelando le categorie iscritte nelle strutture sociali e nelle frontiere materiali e mentali che attraversano e definiscono lo Stato. La valanga di brutali e ininterrotte dichiarazioni razziste con cui Matteo Salvini inonda la Penisola da quando è diventato Ministro dell’Interno è il segnale che in Italia si sta instaurando un forma di democrazia sempre più “ridotta”, “contratta”. La violenza che caratterizza il discorso pubblico del “capitano”, come Salvini ama farsi chiamare alla maniera di altri duces, non sono per lui una novità, con la differenza che oggi sono diventate le parole di un “uomo di Stato” e questa differenza fa del discorso di Salvini un’arma capace di annientare le basi stesse della democrazia.

Le parole che Salvini usa come Ministro dell’Interno e vicepresidente del Consiglio sono armi di distruzione dell’integrità fisica e morale di soggetti, le persone razzializzate, che sono nella grande maggioranza dei casi già provati e prostrati da condizioni di vita o di lavoro particolarmente crudeli. Le “parole di Stato” colpiscono e feriscono, segnano corpi e coscienze perché hanno la forza del performativo: contribuiscono a far credere nell’esistenza della realtà che enunciano – quella del “pericolo dell’invasione”, “della pacchia”, “dei clandestini in crociera”, del “razzismo anti-italiani”, del “totalitarismo del politicamente corretto e dei buonisti”, delle “radici cattoliche dell’Europa”. E le “parole di Stato” possono, in tal modo, spostare, di giorno in giorno, di ora in ora, la frontiera di ciò che è dicibile in democrazia, ovvero di ciò che potrà essere fatto d’ora in avanti. Sono forme di autorizzazione implicita e di legittimazione e, quando veicolano la violenza razzista, diventano un lasciapassare di Stato, perché altre violenze razziste si producano nella totale impunità.

All’inizio dello scorso mese di agosto, con un annuncio tramite altoparlante, una capotreno intimò a “zingari e molestatori” di scendere così avrebbero smesso di “rompere i coglioni”. La voce di questa agente della funzione pubblica è l’eco, la traduzione diretta e esatta della voce del Ministro Salvini che dichiara, alcune settimane prima, di voler fare “un censimento dei rom”, rimpiangendo di “doversi tenere” quelli tra loro che hanno la nazionalità italiana.1 Le “ronde” effettuate per il secondo anno consecutivo dai militanti neofascisti di Casa Pound su una spiaggia di Ostia acquisiscono oggi un nuovo significato, come ricorda Leonardo Bianchi [qui], perché si iscrivono nella continuità di una politica statale, “l’operazione spiagge sicure”, lanciata e finanziata dal Ministero dell’Interno contro “molestatori e abusivi”. La crescita di atti e insulti razzisti che si registra in Italia dall’inizio dell’estate sono il riverbero di slogan e di pratiche di Stato, e la conseguenza di tre riposizionamenti politici che Salvini ha voluto e perseguito fin dal suo arrivo alla guida della Lega nel 2012. Esse contribuiscono a spiegare il suo successo – la Lega passerebbe dal 17,4% del 4 marzo scorso al 30% secondo gli ultimi sondaggi elettorali – seducendo tra l’altro la maggioranza dei cattolici, nonostante le critiche espresse da una parte della chiesa. E costituiscono altrettanti motivi di riflessione che chiamano in causa la natura di un momento politico più vasto di cui l’Italia potrebbe essere uno dei laboratori.

La svolta “patriottica”

Prima discontinuità ideologica: il razzismo. Salvini ha voluto e saputo mettere in sordina la dimensione secessionista e regionalista che caratterizzava il suo partito – e il suo corrispettivo: l’odio “anti-meridionale” – per farne una forza xenofoba a vocazione nazionale. Da qui la scelta dello slogan portante dalla sua campagna, prima gli italiani, che si richiama all’America First di Donald Trump ed è, tra l’altro, come ricorda Spike Lee nel suo ultimo film BlacKkKlansman, uno slogan del Ku Klux Klan. Il governo di Salvini sa ravvivare e coagulare forme diverse di “odio dell’altro” già strutturalmente presenti nel tessuto sociale nazionale, capitalizzando dal punto di vista elettorale il malcontento creato dalle “riforme” neoliberali perseguite dai governi precedenti (centro-sinistra inclusi). Le frontiere che questi sedicenti “patrioti” intendono salvaguardare sono certamente geografiche: in tal senso va la politica di chiusura dei porti, con le conseguenze che ne derivano in termini di morti, di condanne alla schiavitù o alla tortura, di stupri e di altre atrocità commesse su migliaia di uomini, donne e bambini. Ma Salvini e i suoi difendono soprattutto le frontiere immaginarie del colore vagheggiate dai suprematisti bianchi, costruite sul simbolismo della “purezza del sangue”, della “pelle giusta” per riprendere il titolo del libro dell’antropologa femminista Paola Tabet sul razzismo italiano, o, ancora, sulla sua ritraduzione culturalista, nei termini di Renaud Camus (“la grande sostituzione”) o di Alain de Benoist (“la grande trasformazione”). Per Salvini e i suoi simpatizzanti, la nazionalità italiana di una persona rom non fa di tale persona un(a) vero/a italiano/a , lo stesso vale per le persone afrodiscendenti. Queste persone italiane restano dei “clandestini”, portatori di “alterità culturale”, corpi stranieri e minaccianti da espellere, dei “non-umani” nei confronti dei quali si può scatenare qualunque forma di violenza verbale o fisica senza provare dolore o senso di colpa. Ne L’idéologie raciste, la sociologa femminista Colette Guillaumin ha mostrato come l’articolazione tra i processi di alterizzazione e di disumanizzazione dei gruppi sociali presi a bersaglio dal razzismo è l’olio che permette alla meccanica della violenza razzista di dispiegarsi e di riattivarsi tanto facilmente. Nel 1946, interrogandosi sull’ascesa del nazismo, Ernst Cassirer scrive ne Il mito dello Stato che il mito razzista “non è mai veramente vinto, sormontato, ma resta sempre presente, in agguato nell’ombra ad attendere la sua ora, la prima occasione favorevole”. Che ne è di tutto ciò nel nostro presente? Chi sono i nostri “non-umani”?

La seconda rottura operata dal Salvini è costituita dall’accantonamento di qualsiasi forma di pregiudiziale antifascista all’interno del proprio partito, così come rivendicata dal suo fondatore, Umberto Bossi. La liquidazione dell’antifascismo si è rapidamente trasformata in permeabilità all’estrema destra, ai suoi rappresentati, ideologi, militanti – la France di Marine Le Pen, la Russia di Alexander Dugin, gli Stati Uniti di Steve Bannon, l’Ungheria di Orbán e, in Italia, i neofascisti di Casa Pound e di Forza Nuova, gli skinhead neonazisti del Veneto Fronte Skinhead. Questi gruppi riconoscono in Salvini un alleato o, per lo meno, un interlocutore. Indossare per una e poi due volte, come ha fatto Salvini, abiti di marche di riferimento per i gruppi identitari o neofascisti non è un fatto casuale e vale più di una strizzata d’occhio ad un elettorato potenziale. Come altri duces, Salvini fa accurato uso politico del suo corpo che, grazie a continue mises en scène sui social media, è diventato l’incarnazione, a un tempo accessibile e carismatica, vicina e taumaturgica, della sua ideologia populista, suprematista, anti-intellettuale, ma anche eteronormativa e sessista. Salvini, infatti, non parla solo la lingua della razzializzazione – ossia dell’essenzializzazione e dell’inferiorizzazione delle persone non-bianche – per affermare un progetto politico che chiama programmaticamente “la rivoluzione del buon senso”, ma anche quella del sesso e della sessualità. Il primo giugno scorso, nel suo primo discorso da ministro, Salvini enunciò le sue due priorità politiche: lottare contro l’immigrazione e “proteggere” la famiglia “formata da una mamma e un papà”.

Lo spettro del gender

Fare dalla “difesa” della “famiglia naturale” una prerogativa della propria azione di governo costituisce la terza svolta della politica salviniana. La difesa della “famiglia naturale” e la guerra contro il gender che mirerebbe a distruggerla è il marchio ideologico di un nuovo senso comune emerso in Italia a partire dall’autunno del 2013, sostenuto da un vasto e differenziato fronte di attori e gruppi dell’associazionismo anti-aborto e familista, della componente identitaria del mondo cattolico, della galassia della destra tradizionalista e neofascista. Omologo del movimento guidato in Francia dal comitato La Manif pour Tous e iscritto in una rete di contatti transnazionali e internazionali che interessano un numero crescente di paesi e continenti, dall’Europa all’America centrale e latina, il fronte “anti-gender” italiano costituisce un laboratorio di rilievo dal punto di vista della capacità di mobilitazione e penetrazione culturale nella società. I fautori dell’anti-gender tentano di bloccare qualunque impresa politica, giuridica o intellettuale che affermi, esplicitamente o meno, che l’ordine sessuale, i rapporti tra i gruppi di sesso e di sessualità, non riflettano un ordine naturale, ma siano l’esito di un processo storico e politico.2 Dal riconoscimento del matrimonio tra persone dello stesso sesso (come, ad esempio, in Francia), all’adozione della Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne (come in Bulgaria o in Slovacchia), dall’autonomizzazione del campo degli studi di genere e sessualità (come in Brasile o in Ungheria) alla lotta contro l’omotransfobia o contro l’educazione anti-sessista (come in Italia), i gruppi “anti-gender” si oppongono a queste politiche presentate come le conseguenze di una “ideologia” che sarebbe elaborata dalla “lobby femminista e omosessualista” e veicolata da istanze politiche sopranazionali riconducibili alla cosiddetta “elite globalista”. Si tratterebbe di una “colonizzazione ideologica” volta a distruggere “l’alfabeto dell’umano”. I gruppi “anti-gender” hanno adattato a livello nazionale una retorica che è stata concepita dalla metà degli anni ’90 attingendo alle elaborazioni dottrinarie del Vaticano. Puntare il dito contro il concetto femminista di genere, deformandolo, “satanizzandolo”, facendone la metonimia della rivoluzione teorica e politica portata dai movimenti femministi e lgbtq+ ha diversi obiettivi intrecciati tra loro: rendere più visibile, arricchendola di presunti nuovi riferimenti valoriali e modelli di azione, una visione del mondo intrinsecamente sessista, antifemminista e omotransfoba; creare un fronte di opinione dietro una nuova bandiera, “la guerra al gender”, capace di raccogliere diversi e numerosi attori; alimentare un’ondata di panico morale attorno alla figura del “bambino da proteggere”.

Sessismo e omotransfobia non sono certo ingredienti inediti dell’ideologia della Lega. Il “celodurismo” rivendicato dal partito, che Lynda Dematteo indaga nella sua ricerca L’idiotie en politique, è messo in scena costantemente dai leader del partito. Il “gestaccio” e l’insulto sessista che Bossi indirizzava nel 1993 alla Ministra Margherita Boniver e la bambola gonfiabile brandita nel 2016 da Salvini nel corso di un comizio e paragonata all’allora Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, ne costituiscono gli episodi più violenti e ripugnanti. Ma per quanto riguarda le questioni di genere e sessualità, le reti, le alleanze, nonché le ambizioni politiche, hanno fatto registrare un’evoluzione significativa. Come mostra il lavoro di Massimo Prearo [qui], nell’arco di soli cinque anni, grazie a un febbrile attivismo messo in campo dalle comunità del Cammino Neocatecumenale e dai gruppi più radicali tra gli anti-abortisti (Giuristi per la Vita e Pro-Vita Onlus, vicino a Forza Nuova), dai tradizionalisti di Alleanza Cattolica, i gruppi “anti-gender”, rappresentati dal Comitato Difendiamo i Nostri Figli e da Generazione Famiglia, sono diventati un attore sempre più ascoltato del campo politico italiano. Come annunciato in campagna elettorale e poi ribadito all’indomani delle elezioni, il movimento “anti-gender” ha “fecondato” l’agenda del nuovo governo al punto che i suoi riferimenti categoriali (“il gender”, “la famiglia naturale”, “il transumano”, che tra l’altro sono gli stessi branditi dalla gerarchia vaticana) sono diventati categorie normalizzate di interpretazione della società che già oggi orientano le politiche governative in materia di istruzione e riproduzione sociale (blocco di qualunque riforma giuridica o scolastica di lotta contro le discriminazioni legate al genere, all’orientamento sessuale, all’identità di genere).

Nello scorso mese di luglio, Matteo Salvini ha condotto a colpi di fake news e dichiarazioni rilasciate al giornale La Nuova Bussola Quotidiana una guerra contro il riconoscimento giuridico dell’omogenitorialità che, in assenza di legge ordinaria, sta trovando cittadinanza nelle sentenze dei tribunali civili o in sempre più numerose trascrizioni operate dai sindaci. Su questo frangente Salvini è sostenuto, anzi preceduto, dal Ministro della Famiglia e Disabilità (la nozione di “famiglia” è programmaticamente istituita come una forma di singulare tantum), Lorenzo Fontana. “Patriota” e “crociato”, come egli stesso si definisce, Fontana è un cattolico vicino alle correnti tradizionaliste, fervente militante anti-abortista, assiduo frequentatore della Marcia per la Vita, omotransfobo, sessista e antifemminista, nonché “uomo di potere” della Lega, come ricorda Yàdad De Guerre [qui], attento analista delle relazioni tra attori “anti-gender” e i gruppi di estrema destra. Fontana è responsabile delle alleanze tra il partito e la Russia, oltreché con i gruppi di estrema destra e neofascisti, con i partiti federati nel Mouvement pour l’Europe des Nations et des Libertés e con il World Congress of Families (WCF). Quest’ultimo è un think tank fondato negli Stati Uniti nel 1997 da evangelici e rappresentati della destra cattolica, che ha importanti ramificazioni in molti paesi, in particolare in Russia, dove è collegato alla gerarchia della chiesa ortodossa. Il WCF riunisce ormai i principali attori mondiali della crociata “anti-gender”, è il luogo di promozione e diffusione internazionale delle pratiche militanti di questi gruppi il cui obiettivo rivendicato, come dimostra il rapporto steso dal segretario del Forum parlamentare europeo su popolazione e sviluppo Neil Datta [qui], è di “restaurare” il presunto “ordine naturale” della società. Il prossimo congresso annuale del WCF si terrà a Verona, roccaforte politica di Fontana, dal 29 al 31 marzo.

Una contro-rivoluzione razzista, sessista e omotransfoba

Nella sua doppia dimensione razziale e sessuale, la “rivoluzione del buon senso” di Salvini è un ritorno a un ordine immaginario fatto di “popoli nativi” che non devono “mescolarsi” e di sessi “ontologicamente” diversi e complementari. Tale “rivoluzione” si propone di rinaturalizzare un ordine gerarchico di ruoli assegnati, di appartenenze sessuali e razziali imposte dallo Stato e, in ultima analisi, di normalizzare un modo di pensare che concepisce “la razza” e “il sesso” come “fatti di natura” – il cosiddetto “pensiero straight”, come lo definisce Monique Wittig. La “rivoluzione del buon senso” è, a un tempo, una forma di restaurazione e una contro-rivoluzione perché si oppone alla rivoluzione portata avanti dai movimenti delle minoranze subalterne, dalle loro lotte e rivendicazioni, dai saperi e dalle teorie che a partire dai primi anni ’70 del Novecento hanno trasformato il campo intellettuale e politico della nostra società affermando l’idea che “la razza” e “il sesso” non sono “fatti di natura”, ma esiti di processi di gerarchizzazione sociale. Irrigidire, rinaturalizzare le frontiere razziali e sessuali della “nazione” ha l’obiettivo di inquinare il terreno democratico. La democrazia italiana sta progressivamente svuotandosi della sua sostanza senza essere stata ancora soppressa sul piano formale. Fintan O’Toole [qui] su The Irish Times ha parlato di “prove tecniche di fascismo”, di “pre-fascismo”: si spostano progressivamente i vincoli morali e politici che definiscono ciò che è accettabile in democrazia finché, poi, non si passerà ad altro. L’Italia costituisce un esempio archetipico di ciò che Wendy Brown teorizza sotto la forma di una “democrazia dedemocratizzata”? Éric Fassin [qui] parla di momento neofascista del neoliberalismo, sollecitando la nascita di un nuovo antifascismo che gli si opponga, evitando le trappole della nozione di “populismo”. Pensiamo alla voce del sindacalista italo-ivoriano Aboubakar Soumahoro, amico e compagno di lotte di Sacko Soumaïla, bracciante e attivista sindacale ucciso nel giugno scorso a fucilate, per prolungare l’analisi di Fassin. Soumahoro afferma che non possiamo parlare di giustizia sociale se non parliamo di antisessismo, di antirazzismo e di antifascismo. La contro-rivoluzione di Salvini prende di mira insieme donne, persone omosessuali, trans, intersex, persone razzializzate, e prende di mira i movimenti di liberazione. Potremmo, pertanto, pensare e agire a partire da questa convergenza di oppressioni. Il neofascismo e i suoi fiancheggiatori parlano oggi la lingua della rinaturalizzazione dell’ordine sessuale e razziale, occorre un neo-antifascismo che parli quella della loro denaturalizzazione. Occorre, in altre parole, affermare un momento antisessista e antirazzista dell’antifascismo.

* testo pubblicato in francese sulla rivista AOC [qui] il 10 septembre 2018 e in inglese su OpenDemocracy [qui] il 1 ottobre 2018

Download this article as an e-book

Print Friendly, PDF & Email

  1. Su Facebook Matteo Salvini ha rivelato l’identità del viaggiatore che ha denunciato quanto successo sul treno e ha invitato a sostenere la capo-treno. Da allora, il passeggero ha ricevuto più di 50 mila messaggi di insulti, intimidazioni, minacce. 

  2. Mi permetto di rimandare a <em>La crociata “anti-gender”. Dal Vaticano alle manif pour tous</em> (Kaplan, 2018) scritto insieme a Massimo Prearo. Per un’analisi comparata rimando a David Paternotte e Roman Kuhar (a cura di), <em>Anti-Gender Campaigns in Europe. Mobilizing Against Equality</em> (Rowman & Littlefield, 2017).