Autore: Redazione

Crash. Sguardi femministi su logistica e capitalocene

di ROBERTA POMPILI.   Corpi-macchine-territori Diverso tempo fa mi sono occupata di una ricerca sulle sex workers migranti nello spazio urbano e periurbano della mia città, con una osservazione dei tempi e modi di lavoro e di vita delle donne, in particolare della relazione in strada con i loro clienti. Parte delle mie osservazioni si sono concentrate in una zona extracittadina (detta Pantano) fortemente frequentata da tipologie diverse di “viandanti”, autotrasportatori, turisti/e, e guidatori e guidatrici locali. La strada che studiavo mette in contatto la zona del lago Trasimeno ed il flusso di traffici ad essa connessa con le...

Continua